paura di innamorarsi

Gli uomini e la paura di innamorarsi: sono solo scuse?

Qualcuno la chiama philofobia, letteralmente la paura di amare. Succede spesso sia alle donne che agli uomini, anche se questi ultimi manifestano questo comportamento con più frequenza.

Infatti, forse è capitato anche a te di ritrovarti all’inizio di una relazione dove senti che c’è feeling ma che non porta da nessuna parte perché il tuo lui si allontana, come se aveste addosso delle calamite di poli uguali.

paura di innamorarsi

Ti dice che non è pronto, che ha paura di lasciarsi andare, che la sua ultima storia lo ha ferito a tal punto da traumatizzarlo. Ebbene? Non abbiamo un po’ tutti problemi nella vita? Quando cadi dalla bicicletta e ti rompi un braccio smetti di provare a imparare?

Questo comportamento ti mette molto in difficoltà. Non capisce se il problema sia tu, se non sei all’altezza, se lo hai spaventato o chissà cos’altro. Partiamo da questo punto: purtroppo, da parte degli uomini è un comportamento comune. e, quindi, non fartene una colpa.

Quindi è vero che un uomo ha paura di amare?

Si e no, dipende dalla persona e dai suoi trascorsi. Alcuni uomini si aggrappano a questa scusa per evitare di impegnarsi, altri sono insicuri e, inventarsi di avere paura, li fa sentire protetti e coccolati dalla partner. Tuttavia, ci sono anche uomini che soffrono di ansia e una forte forma di insicurezza.

In realtà, questi uomini amano, si innamorano profondamente, e questo sentimento li spaventa a morte. Stanno proprio male fisicamente e i sintomi sono anche ben visibili. Non è qualcosa che riescono a controllare, ma un meccanismo automatico del cervello, una sorta di barriera indipendente che si alza quando il “cuore” invia segnali di innamoramento.

Il risultato è che non riescono a provare fiducia nei confronti della persona che hanno davanti, anche se si sentono attratti da lei. Questo perché sono stati traditi in passato, hanno subito traumi di ogni tipo, oppure semplicemente perché si lasciano trascinare da una paura ingiustificata.

Come capire se dice la verità

  1. E’ timido e chiuso, non parla di sé e dei suoi sentimenti
  2. E’ spesso a disagio in situazioni più intime e tende a sudare, agitarsi, tremare
  3. Tende a scappare di fronte a situazioni che lo hanno coinvolto anche in passato
  4. Non ha autostima e tende ad autoinfliggersi di colpe che non ha
  5. Vuole i propri spazi e preferisce fare ciò che piace a lui piuttosto che condividere dei momenti con la partner
  6. E’ pessimista
  7. Teme il cambiamento della sua routine
  8. Non se la sente di assumersi responsabilità
  9. Teme di stare da solo. Molto spesso, infatti, questi uomini sono circondati da una mole assurda di amici

Quindi, come si gestisce una persona così? Non fare la crocerossina. Alimenti solo la sua frustrazione e anche la sua insicurezza. Il bisogno di cambiamento deve partire da dentro e, nei casi più difficili, è bene consultare un terapeuta. Tu sii sua amica, se te la senti, altrimenti, conviene solo lasciarlo libero.

shopping compulsivo

Shopping compulsivo: cos’è, come si riconosce e come si cura

Ti è mai capitato di trovarti in un periodo in cui non potevi fare a meno di entrare su un e-commerce e scegliere articoli su articoli da comprare? Niente paura, a volte succede. Ci sono, però, dei casi in cui la compulsione non si riesce a controllare e, quindi, si spendono soldi in giro per negozi per oggetti che, in realtà, non servono a niente.

Quando questo succede non si parla più di shopping come piacere o passatempo ma come patologia.  

Vediamo insieme cos’è lo shopping compulsivo e come si riconosce questo problema.

shopping compulsivo

Cosa si intende per shopping compulsivo?

Si parla di shopping compulsivo quando si sente il bisogno incontrollato di comprare. Gli anglofoni hanno coniato un termine meraviglioso, ovvero shopaholism, andando a indicare perfettamente un disturbo legato alla dipendenza da shopping. In italiano, scientificamente, si chiama sindrome da acquisto compulsivo o oniomania (onios = in vendita, mania = follia).

Il pensiero di una persona che esce dai negozi piena di shopper bags e ricoperta di accessori fa vagamente sorridere, ma tieni presente che questa malattia in casi estremi, rovina la vita dei pazienti che ne soffrono: immagina che il tuo cervello all’improvviso decida in autonomia che devi comprare un oggetto, forse neanche necessario. Non riesci a controllare il desiderio di possederlo e quindi estrai la carta di credito e inserisci il codice nelle opzioni di pagamento. Cosa succede? Perdi soldi, rovini le relazioni, come accade con quasi tutte le ossessioni compulsive, e accumuli oggetti che non fanno altro che ricordarti la tua condizione. Un incubo!

Chi soffre di sindrome da acquisto compulsivo?

Sono soprattutto donne e di età compresa tra i 14 e i 25 anni. La patologia non nasce dal nulla: si stima infatti che l’80% delle pazienti soffrano di altri disturbi d’ansia o sociali che le spinge a entrare nei negozi per distendere i nervi e socializzare. E’ un bisogno, un po’ come il tossicodipendente percepisce la droga.

Queste persone ammettono di sentire un bisogno di entrare in un negozio e un cambiamento dell’umore quando escono con un oggetto appena acquistato tra le mani. E’ però una gioia che dura poco, perché si rendono subito conto di aver speso soldi inutilmente. Il circolo vizioso allora è innescato: compro, sono felice, divento triste perché capisco di aver sbagliato, provo ansia e la devo combattere comprando.

Quali sono i sintomi dello shopping compulsivo e come si cura?

  1. I compulsive buyers ammettono di pensare solo a comprare e sentono il bisogno di accedere agli e-commerce o visitare i negozi
  2. Per fare shopping saltano la scuola, non si recano al lavoro o trascurano le relazioni
  3. Non riescono a tenere sotto controllo i flussi di cassa, ovvero i soldi che entrano ed escono dal loro portafoglio
  4. Sono spesso accumulatori
  5. Non sanno spiegare il motivo che li ha spinti a comprare qualcosa Nei casi più gravi, è bene intraprendere un percorso di psicoterapia mirato a mitigare le cause dietro a un comportamento così distruttivo. Spesso, come si diceva, tutto parte da uno stato d’ansia ed è bene intervenire prima di tutto su quello.

Nei casi più lievi, il paziente potrebbe provare tecniche di rilassamento o correzioni autonome del comportamento attraverso esercizi di soppressione dell’ansia e socializzazione.

lui guarda le altre

Perché lui guarda le altre?

Spesso ti è capitato di passeggiare insieme a lui, mano per la mano, o di stare seduti in un pub e vedere il suo sguardo dirigersi verso qualcun’altra. Nel primo momento avrai sicuramente provato un forte sentimento di delusione, ma anche di incredulità e infine di rabbia. Avrai fatto una scenata, oppure sei stata zitta e ci hai riflettuto su tutta la notte. Hai pensato e ripensato a quale ragione potrebbe celarsi dietro al suo guardare le altre e sei arrivata alla conclusione che se lo fa quando è con te sicuramente lo fa anche quando è da solo.

lui guarda le altre

Cose come queste capitano o sono capitate a tutte, purtroppo, e ci hanno anche fatto un famoso meme sul fidanzato distratto. A parte gli scherzi, è importante capire qual è la motivazione del fatto che lui guarda le altre o se il suo è un comportamento involontario e normale. Di seguito ti spiego cosa potrebbe esserci dietro e come comportarti in questi casi.

Impara a distinguere tra amore e curiosità

Se mentre siete insieme lui guarda le altre donne non significa per forza che lui voglia stare con loro o uscire con loro e non con te. La prima cosa da fare per te è capire in che modo le guarda e per quanto tempo. Se una donna è vestita in maniera succinta, ha delle forme prorompenti, un trucco esagerato o comunque un particolare che attira l’attenzione, è probabile che anche a te possa cadere l’occhio nella sua direzione. Si tratta di una reazione istintuale, che non ha nulla a che vedere con la sua voglia di stare con te o meno. Uomini e donne hanno insita nell’organismo una differenza biologica: la donna è dotata di una visuale periferica che la aiuta a capire cosa succede intorno senza bisogno di girare la testa, ma solo gli occhi. L’uomo invece non possiede questa caratteristica e se qualcosa lo attira, è costretto girare il volto verso l’oggetto. Quindi potreste essere stati entrambi attirati verso la stessa persona ma la donna lo ha reso meno evidente.

Il problema sorge nel momento in cui lui guarda le altre in maniera insistente, senza controllo. Ma anche in questo caso, prima di mettere in discussione te stessa, devi affrontare la cosa e parlarne con lui. Un uomo è istintivamente attratto da un certo tipo di donna, ma se le guarda indiscriminatamente tutte le volte che siete insieme e non fa nulla per non farlo notare, allora è il momento di fare una chiacchierata e capire cosa c’è che non va. Parlare è il modo più diretto e immediato per capire quali sono i punti della vostra relazione che non funzionano e che rovinano il rapporto.

A un uomo che ti ama può capitare di guardare le altre perché in un certo senso è inevitabile per tutti, anche per le donne. L’unica vera differenza sta nelle intenzioni. Un uomo che guarda altre donne non per forza le desidera, la differenza sostanziale è della persona che guarda. Una persona cattiva, con un basso senso morale è più portata a guardare le altre con l’intenzione di averle e possederle. Ciò significa che più che riflettere sull’atteggiamento dovresti pensare a che uomo hai accanto.

Credi in te stessa e nel vostro amore

Quello che tendenzialmente ogni donna sbaglia nei casi in cui lui guarda le altre, è mettere se stessa in discussione, come se la motivazione per cui lui rivolge il suo sguardo alle altre sia che lei non è abbastanza per lui. Questo concetto, oltre ad essere sbagliato, mette in evidenza una forte insicurezza e uno sbilanciamento della relazione. Una relazione è un rapporto a due in cui il partner non deve solo ricevere ma anche dare, non possono esserci due pesi e due misure.

Se il fatto che lui guarda le altre ti dà fastidio devi assolutamente fargli notare la mancanza di rispetto e non fare delle scenate di gelosia. Se il vostro è amore va messo al primo posto e tutelato da queste piccole cose attraverso una sana discussione di coppia che possa chiarire i vostri sentimenti, i bisogni e le incomprensioni.   

relazione a distanza

Come gestire una relazione a distanza

Si dice che in amore tutto è possibile, anche amarsi da lontano. Le relazioni a distanza sono sempre esistite, anzi, in epoche passate era anche molto più difficile riuscire a gestire la relazione a distanza perché non c’erano gli stessi strumenti che oggi abbiamo a disposizione. Internet ha oltrepassato ogni barriera e oggi è sempre più facile sentire persone dire che stanno vivendo una relazione a distanza. Anzi, molte relazioni a distanza sono nate proprio grazie ai siti di incontri e le app che consentono alle persone, anche se lontane, di conoscersi, di amarsi e di instaurare un rapporto duraturo.

relazione a distanza

Gestire un amore a distanza resta comunque molto difficile soprattutto se sei abituata a stare con il tuo partner continuamente e se siete costretti a separarvi, magari per motivi di lavoro o per imprevisti. Mantenere vivo e profondo un rapporto a distanza è importante per evitare che questo subisca degli arresti o dei problemi solo per via della lontananza. Non sarebbe giusto far finire una storia o non iniziarla proprio solo per una questione geografica. Per affrontare questa nuova cosa devi riuscire ad avere l’attitudine mentale giusta e a organizzarti, perché le relazioni a distanza possono funzionare bene come quelle da vicino. In questo articolo voglio parlarti proprio di come potrai amare a distanza, come fidarti e ricevere fiducia, e come vivere tutte, ma proprio tutte, le situazioni d’amore anche da lontano.

7 modi per affrontare l’amore a distanza

Non tutte le coppie sono uguali, quelle che funzionano non seguono regole speciali, hanno semplicemente capito cosa fa al caso loro. Se dovete affrontare la situazione della lontananza allora è necessario utilizzare alcune accortezze per non rischiare di perdervi lungo il cammino e per mantenere viva la fiamma dell’amore.

  • Fate dei progetti. Parlare del futuro è essenziale per qualsiasi coppia perché vi fa capire se volete entrambi le stesse cose e se state andando nella giusta direzione. Parlare del futuro può davvero annullare le distanze e farvi sentire più vicini. È indispensabile darsi degli obiettivi comuni e sarà molto divertente fantasticare su quello che verrà.
  • Sentitevi spesso. Stabilite degli orari giornalieri per parlare a telefono, magari a fine lavoro o dopo la cena per rilassarvi e staccare da tutto. Non servono lunghe chiacchierate, ma l’importante è che siano costanti.
  • Assumi un atteggiamento ottimista e propositivo. Se pensi costantemente a quello che non hai e che ti manca potresti diventare una persona che non apprezza quello che ha, cioè un grande amore, e l’altro potrebbe spazientirsi. Pensa che anche chi ti ama ti è lontano e soffre come te, il fatto che non possa venire a consolarti lo farà sentire impotente e scoraggerà l’amore.
  • Fate delle videochiamate. Vedersi ai tempi di internet è possibile ed è giusto farlo tutte le volte che si può, all’inizio sarà strano, ma poi ti potrai abituare e diventerà un appuntamento atteso da entrambi. Fissate, ad esempio, due videochiamate alla settimana, oppure la videochiamata della domenica così sarete entrambi pronti e vogliosi.
  • Tieni a bada la gelosia. La distanza non c’entra nulla, siete una coppia stabile e avete scelto di stare insieme e vi amate, il fatto che siete lontani non ha niente a che vedere con la gelosia.
  • Mantieni i tuoi spazi. Non passare la tua giornata ad aspettare di sentire l’altro, vivi la tua vita normalmente e poi lascia del tempo al partner.
  • Fai tesoro di ogni piccolo momento insieme. Quegli attimi preziosi in cui vi potete vedere sono essenziali, non sprecarne un secondo.
relazione a distanza

Le app per stare insieme a distanza

La tecnologia aiuta a stare insieme anche se si è distanti e ci viene incontro con app facili da usare e pratiche. Between per esempio è un calendario condiviso in cui programmare i vostri impegni e gli incontri, ma anche le telefonate e fissare degli appuntamenti amorosi. Ma ci sono anche app di messaggistica come Whatsapp, Couple e Signal in cui potete fare videochiamate e sexting e mandarvi foto hot in totale sicurezza. Se volete entrare nel telefono del partner e condividere qualsiasi schermata, potete usare Loklok che ti permette di essere sempre sul telefono del tuo ragazzo. Waynabox è un’app interessante per coloro che amano viaggiare e ti dà la possibilità di programmare dei viaggi a sorpresa o di regalare un weekend fuori porta. Ci sono molte possibilità di amarsi a distanza e di condividere qualsiasi cosa in tempo reale, in questo modo potrete sentirvi più vicini in ogni momento della giornata.

come capire se gli piaci

Capire se gli piaci davvero, comunicazione non verbale

Non tutti sono capaci di comunicare le proprie emozioni a parole. Questo rende l’approccio tra uomo e donna alcune volte indecifrabile, almeno per coloro che non conoscono la comunicazione non verbale.

Capire se l’altro è davvero interessato a te potrebbe aiutarti a non commettere errori di valutazione e di non incappare in incomprensioni reciproche. Per capire se piaci a un uomo, ti basteranno in media 90 secondi, così dice la scienza. Tutto sta nell’ascoltare attentamente e nel prestare particolare attenzione al suo comportamento, a come si muove, e in piccola parte anche a ciò che dice senza sottovalutare il non detto, la comunicazione non verbale, appunto.

Il linguaggio non verbale è fatto di tante piccole sfaccettature, e non riguarda solo la posizione delle mani, l’espressione del viso o la prossemica. Anche il tono di voce fa la sua parte, per questo è importante conoscere a fondo cos’è il linguaggio non verbale e come può aiutarti a riconoscere se gli piaci oppure no. Ricorda che le parole possono mentire, il corpo non può.

come capire se gli piaci

La comunicazione non verbale e il linguaggio del corpo

Ti stupirà sapere che la comunicazione non verbale è molto più eloquente e sincera di quanto possa essere quella verbale. Questo perché si tratta di segnali inconsci che affiorano in superficie senza che ce ne possiamo rendere conto.

Il 55% della comunicazione tra due persone si svolge nella dimensione non verbale, il 38% in quella para-verbale, il restante 7% avviene nella sfera verbale. Nella comunicazione para-verbale rientra il tono della voce e l’inflessione che l’altro assume nel parlare con te. Per quanto riguarda quella non verbale esistono un’infinità di segnali codificati che è necessario decifrare e molti di questi segnali li riconosciamo automaticamente. Ad esempio, se stai parlando con una persona che ha le braccia conserte, è chiaro sin da subito che il suo atteggiamento nei tuoi confronti è distante, di chiusura o reticente, e questa situazione ti permette di calibrare la relazionalità che potrai avere nei confronti di quella persona.

Quando invece l’altra persona ti piace e vi trovate nella fase del corteggiamento, i gesti contano moltissimo e ti aiuteranno a prendere una direzione, magari se lui non si fa avanti ma capisci dal suo linguaggio non verbale che gli piaci, toccherà a te fare la prima mossa!

I segnali non verbali che ti fanno capire se gli piaci

Puoi capire se gli piaci studiando la sua posizione, il modo in cui muove le mani, la vicinanza e la direzione del suo sguardo. Ecco alcuni segnali che ti faranno capire immediatamente che è attratto da te:

  • Quando sta con te, tiene gambe e braccia aperte. Se fossero incrociate, infatti, l’atteggiamento nei tuoi confronti sarebbe di chiusura. Il contrario è un segnale di chiaro interesse nei tuoi confronti, se le gambe sono aperte mentre è in piedi di fronte a te, significa che è aperto a te e gli interessi.
  • Se la sua postura è dritta e le spalle sono alte, sta chiaramente cercando di colpirti, di fare effetto su di te. Quello di aprire il torace è un gesto anche molto sensuale, perché è un segnale di attrazione fisica che, se combinato alle sopracciglia alzate e abbassate in fretta, dimostrano chiara attrazione sessuale.
  • Si mantiene vicino a te, ti fa passare per prima e ti tocca la spalla. La prossemica è un altro segnale da non sottovalutare, ossia quanto si mantiene distante da te, una vicinanza di 45 cm fa intuire già un accenno di intimità. Per quanto riguarda le piccole gentilezze, come concederti di passare, significa che i suoi gesti nei tuoi confronti provengono dal cuore.
  • Le mani sono una componente importantissima, se vuole colpirti e instaurare un rapporto intimo e d’amore con te, le terrà sempre in vista, con i palmi rivolti verso di te, pronto ad afferrarti a, a toccarti e a farti sua.
  • L’attrazione sessuale fa sì che il sangue gli circoli all’interno di zone sensibili, come labbra, mento e guance. Per questo tenderà a toccarsi spesso la faccia, ad accarezzarsi e a farti capire quanto lo stai eccitando inconsciamente.
relazione felice

Segreti per una relazione felice

Si potrebbe rispondere a questa frase semplicemente dicendo che il segreto di una relazione felice è amarsi. Ebbene, di base se mancasse l’amore la coppia non si potrebbe dire felice. Ma l’amore è fatto di tante piccole cose, gesti, attenzioni, sfide quotidiane e molte volte queste caratteristiche vengono sottovalutate.

In questo articolo vedremo che i segreti per una relazione felice non sono formule magiche che salveranno una relazione in rovina, sono piccoli consigli che possono cambiare il tuo punto di vista sulle cose e sui tuoi comportamenti, ma per farli funzionare dovrai essere pronta a mettere in discussione te stessa e la vostra relazione e aperta a nuove idee assolutamente da provare.

relazione felice

Come avere una relazione sana e felice in 5 modi

Partendo da una solida base che consiste essenzialmente nell’amore che provate l’uno per l’altra, potrete provare a mettervi in gioco e parlare tra di voi su ciò che potreste fare per rendervi felici a vicenda. La soddisfazione personale ha molto a che vedere con quella di coppia e da essa non si può prescindere. Essere felici da soli, vi permetterà anche di essere felici insieme.

  • Trova il tempo per te stessa. Tutti ne abbiamo bisogno e magari non si tratta di nulla di speciale, ma solo di dedicare un’oretta a una cosa che ti piace fare, a te sola. Per lui magari è guardare una partita sul divano e giocare ai videogame, per te potrebbe essere fare una chiamata con un’amica o una passeggiata, leggere libri o ascoltare podcast. Ogni tanto potrebbe essere bello regalare al partner del tempo per se stesso, ad esempio un viaggio per salutare un amico che abita lontano, l’iscrizione a un corso che gli possa piacere. Avere del tempo da trascorrere da soli è essenziale nella vita di ognuno di noi, e farà rinvigorire la coppia perché sottolinea la differenza tra lo stare soli e lo stare insieme e darà a tutto più valore.
  • Divertitevi. Imparate a ridere più spesso, a prendervi in giro e giocare come due ragazzi. Con l’età e l’arrivo delle responsabilità è normale perdere di vista il lato giocoso della vita, ma non lasciatevi andare troppo alla serietà. Lasciatevi andare, ridete e fatevi degli scherzi, servirà a mantenere l’aspetto ludico del vostro amore e ad alimentare la sintonia.
  • Imparate a lasciar andate quello che non conta. Ci sono alcune cose su cui si può sorvolare, dei piccoli difetti che se in una coppia diventano enormi e sono fonte di litigi continui, e quindi stress e odio. È importante spegnere le discussioni quando si può. Pensa che le vere e proprie liti nascono sempre da piccole incomprensioni e cose di poca importanza. Disinnescare è la parola d’ordine, e non preoccuparti, non è vero che una coppia felice non litiga mai, al contrario, una coppia sana vive tutte le emozioni e le sa affrontare dandosi man forte a vicenda.
  • Siate buoni amici. In coppia bisogna essere complici, scambiarsi opinioni, fidarsi l’uno dell’altra, essere buoni amici ancor prima di essere amanti. Avere sempre qualcuno su cui contare farà la felicità dell’altro.
  • Crescere insieme. Quando si è in coppia è importante considerare i propri errori e i propri limiti, saper chiedere scusa quando serve e migliorarsi a vicenda. Affrontare paure e difetti insieme vi renderà non solo più felici, ma anche più forti come coppia.

Una relazione felice è fatta di armonia, equilibrio, ma anche imperfezioni e problemi quotidiani da affrontare insieme. La vera prerogativa per vivere una relazione felice e soddisfacente è anche stare bene con se stessi. Concedersi del tempo per la propria persona, avere un sano equilibrio degli spazi, fa sì che voi due possiate vivere il vostro amore serenamente, trovando anche il tempo per giocare insieme, ridere, scherzare e non annoiarvi mai.

le scuse degli uomini per lasciarti

Le scuse degli uomini per lasciarti

Molti uomini non trovano facilmente il coraggio di lasciare una ragazza, per questo motivo mettono su alcune scuse. 

Queste però sono spesso molto simili tra di loro, non hanno fondatezza e molte donne ci restano male non solo perché sono state lasciate, ma anche e soprattutto perché non ne comprendono la ragione di fondo.

Per molte donne sarebbe meglio conoscere un’amara verità piuttosto di sottili bugie campate in aria. È difficile anche mettersi l’anima in pace e passare oltre, quando il tuo ormai ex, non riesce a dare una spiegazione sensata del motivo per cui è finita.

Magari tu pensavi che stesse andando tutto bene, che lui fosse carino e che le cose avrebbero preso una piega più seria, e invece lui stava cercando un modo o una scusa per lasciarti.

 Alle scuse che gli uomini propinano alle donne, va aggiunto che nessuna di queste è in grado di dare dignità alla donna, e se ne sentono di tutti i colori in giro, scuse assurde e senza senso che molte donne non meritano. Vediamo insieme quali sono quelle più gettonate dagli uomini per mollare una ragazza e cerchiamo anche di capirne i motivi più reconditi.

le scuse degli uomini per lasciarti

Le 9 scuse più usate da lui per lasciarti

  • Non sono pronto a impegnarmi. Questa è abbastanza enigmatica ma capibile. Nel senso che magari avete appena iniziato a conoscervi e tu hai iniziato a correre, a conoscere tutti i suoi amici e parenti, a prenderti degli spazi che lui non era pronto a dare. Per questo motivo potresti valutare di fare un passo indietro o magari di parlarne con calma. Se invece sai per certo che non può essere colpa tua e che questa ragione per lasciarti non sta in piedi, è uno che si vuole divertire con le altre e che non è pronto a stare con nessuna, tu non c’entri.
  • Non sei tu sono io. Tra le scuse che gli uomini usano, questa è la più famosa. Tutte noi ci siamo sentite dire almeno una volta questa frase enigmatica e misteriosa che non sottintende assolutamente nulla. Dietro questa frase c’è un’incapacità di lasciarti e di dirti la verità. Non c’è una ragione precisa del suo problema e tu non hai niente a che vedere con il suo problema, anzi, forse è bene che tu riesca a tirarti fuori da questa situazione che non porterà da nessuna parte.
  • Non è un buon momento per me. Qui lui ha messo in campo tutti i suoi problemi personali, qualcosa di più grande che lui non può controllare, sottolineando la sua incapacità nel saper gestire un rapporto, una situazione difficile, una relazione normale. Non pensare che lui sia davvero attanagliato dai problemi e che ti richiamerà e cercherà di nuovo, non andrà così ed è meglio per te. Un uomo che non sa gestire la sua vita anche nei momenti molto stressanti, non fa proprio al caso tuo.
  • Ho bisogno dei miei spazi. Questa è molto simile a quella precedente sull’impegno, ma è anche possibile che lui stia vedendo altre e che non riesca a essere sincero con te. Il fatto che abbia bisogno di libertà per vedere altre o per divertirsi è sottointeso e non avrai bisogno di sapere altro da lui, allontanati il più possibile, hai altre mille possibilità di trovare qualcuno che abbia almeno il coraggio di dirti la verità e di trattarti con rispetto.
  • Mi sono innamorato di un’altra. Questo è quello che potrebbe dire solo un uomo sincero, che però è anche un donnaiolo e dal quale è forse meglio stare alla larga. È uno che ha bisogno principalmente di stare con le ragazze per riempire i vuoti e per la conquista, non per vero desiderio. Probabilmente è vero che si è innamorato di un’altra proprio mentre si stava vedendo con te e non puoi farci niente. In ogni caso, a lui del rispetto per te non interessa molto, eri solo una delle tante da rincorrere.
  • Ho rivisto la mia ex. Questa è una scusa molto usata e forse anche vera. Prima di iniziare a vedere un ragazzo sarebbe infatti il caso di sapere se ha davvero chiuso con il suo passato e se è pronto ad andare oltre. Prova anche a capire se la sua ex si è ripresentata dopo avervi visto insieme e se lo ha fatto per dispetto.
  • Meglio adesso che andare avanti e lasciarci dopo. Questa scusa è usata dai catastrofici pessimisti che purtroppo imperversano nel mondo. Nessuno può prevedere il futuro e soprattutto conoscere tanto a fondo una persona da sapere che la lascerà. Non permettere agli uomini di trattarti come una stupida, di’ lui che se vuole passare oltre, ha tutto il diritto di farlo senza calpestare i tuoi sentimenti.
  • Se ne va e basta. Il coraggio non è una caratteristica che possono avere tutti, in particolare l’uomo che prende e sparisce, ne è del tutto sprovvisto. Non perdere tempo dietro certi tipi.
  • Meriti di meglio. Ti sta lasciando umilmente, dicendo che sei troppo per lui, troppo bella e troppo intelligente. Non è così, ha solo bisogno di credere che tu non te la prenda con lui e si pone con te come un cagnolino bastonato dalla tua grandezza. Una presa in giro bella e buona, un uomo che ti ama non ti teme di essere troppo poco per te, si sforza di migliorarsi e di farti felice.
come capire se mi ama

16 segnali per capire se ti ama o se ti usa per sesso

Ti stai frequentando con un ragazzo, ti accorgi di pensarlo spesso e e credi di esserti innamorata di lui. Ma più cresce il sentimento, più ti assale un dubbio: ” potrebbe anche lui innamorarsi di me o mi usa solo per motivi sessuali?

 Essere chimicamente compatibili  e fare un buon sesso non è affatto scontato, soprattutto  trovare una persona con cui si crei ogni volta quell’atmosfera calda e passionale che contraddistingue due amanti focosi. 

A volte può capitare che all’inizio il rapporto si basi soltanto sul sesso : ‘è una situazione estremamente naturale, poichè ancora vi è il del desiderio della scoperta dell’altro, vi è la novità del rapporto, l’adrenalina della passione raggiunge i massimi livelli. Spesso un rapporto inizialmente basato solo sul sesso può evolvere in una vera e propria storia d’amore ma può anche succedere il contrario. 

Come capire cosa vuole da te l’altra persona? Come capire se da te vuole solo sesso o se mi vuole bene e potrebbe anche innamorarsi di me? 

come capire se mi ama

Se dopo il primo periodo di frequentazione, (circa uno, due mesi) lui ti invia i seguenti segnali, puoi capire se lui ha per te dei sentimenti oppure solo attrazione fisica:

16 Segnali per capire se lui ti usa soltanto per fare del sesso:

  1.  Passate del tempo insieme (fare shopping, vedere un film..) Se lui ti cerca e per fare cose assieme che non siano solo passare ore focose in camera da letto, è probabile che sta provando dei sentimenti genuini nei tuoi confronti.
  2. Ti presenta ai suoi amici ? 
  3. Ti ha aggiunto al suo profilo facebook  ufficiale? A volte gli uomini usano un doppio profilo, uno principale dove lui condivide le foto della sua vita quotidiana, le amicizie, i suoi pensieri, un secondo profilo che usa  soltanto per rimorchiare. Ti accorgi di ciò se lui ha soltanto amicizie femminili, se pubblica raramente dei post e delle sue foto in presenza di amici.  Se ti ha aggiunto al tuo profilo ufficiale, questo è un segno molto positivo, vuol dire che non ha niente da nascondere. 
  4. Si confida con te? 
  5. Ti fa dei regali romantici? Da questa domanda puoi capire molto se lui ti vuole bene o ti ama o ti usa per sesso. In quest’ultimo caso non ti farà mai regali, oppure si limiterà a regalarti degli oggetti puramente sessuali (calze autoreggenti, completi sexy).  Al contrario, chi ti ama ti riempie di regali romantici (una lettera romantica, una rosa). Fai attenzione, non regali costosi ma romantici!  Spesso mi sento dire dalle amiche: ” lui per il compleanno non mi ha regalato niente perchè non lavora e non può permetterselo” . Mi dispiace dirtelo ma non è cosi, un uomo innamorato (anche se non ha un euro), si impegna a donarti qualunque cosa di romantico, anche un mazzo di fiori raccolto per strada o una lettera d’amore scritta da lui. 
  6. Passa del tempo al telefono con te? Se ti cerca anche soltanto per sapere come stai e come va la tua vita è un buon segnale.
  7. Ti da il buongiorno e la buonanotte? Vuol dire che ti pensa appena si sveglia e prima di coricarsi, è un ottimo indizio. 
  8. Guarda le donne in tua presenza? Guardare le donne, soprattutto quelle sexy e appariscenti, è normale ma se il suo sguardo è insistente e soprattutto se lui guarda una donna e glielo fa notare, allora c’è qualcosa che non va…
  9. Dopo aver fatto l’amore va via subito? Ti abbraccia o si alza a fumare una sigaretta o , ancor peggio, si riveste subito dicendo che è stanco e che l’indomani deve alzarsi presto? In questo caso, allontanalo subito, probabilmemte la sua intenzione è di avere una trombamica ma non una fidanzata.
  10. Ti bacia spesso anche dopo averlo fatto?
  11. Parla di un futuro insieme a te?
  12. Si interessa al tuo stato d’animo?
  13. Ti riempie di complimenti soltanto per l’aspetto fisico o anche per il tuo carattere? I vostri discorsi sono soltanto basati sul sesso o parlate anche di altro? 
  14. A letto è sbrigativo? Ti bacia? Si limita a farsi fare praticare un rapporto orale?
  15. E’ sfuggente e misterioso? Mette ad es il silenzioso sul telefono mentre state insieme. Potrebbe sentirsi con altre donne.
  16. Dormite insieme?  Se lui ti invita a dormire da lui è un segnale molto positivo, probabilmente è molto preso anche sentimentalmente. 

Anche in questo caso è bene basarsi sulle azioni, non sulle parole. Ti cerca solo quando ha bisogno lui? E quando vi vedere fate solo sesso e mai niente di più? Allora è quasi certo che lui voglia solo sesso, e niente di più.

E’ importante capire se lui ti sta usando o se si sta innamorando, osservando la sua comunicazione non verbale. Ho trovato questo video su you tube, potrebbe esserti utile per chiarire i tuoi dubbi.

In conclusione, la differenza tra amare e voler bene è molto sottile, mentre è più facile capire se l’altro vuole solo sesso, ma in ogni caso è impossibile leggere la mente dell’altra persona. Per questo motivo la comunicazione è sempre il mezzo migliore per capire qual è la situazione, e vedere se vogliamo stare in questa condizione o meno.

come dimenticare ex

Come dimenticare il tuo ex in poche semplici mosse

Come dimenticare il tuo ex

come dimenticare ex

So come ti senti: hai il cuore a pezzi. Hai dato l’anima per la sopravvivenza di una relazione e ti ritrovi con in mano nulla. Da un lato sei arrabbiata, dall’altra ti sembra che ogni cosa ti ricordi lui. Provi a parlare d’altro con le amiche, a distrarti con un film e a cancellare le vostre foto dal cellulare, ma sembra che il tuo ex non ti voglia lasciare in pace.

Non sai come dimenticare il tuo ex? Prova con questi consigli.

1.    Ripulire la casa, il cellulare e la mente dai suoi ricordi

E’ forse il momento più triste della rottura, ma va fatto. Devi far sparire le foto dalla scrivania dell’ufficio, dal frigo e dalla galleria del telefono. Entrare in casa e vedere la faccia del tuo ex ovunque ti aiuta solo a stare peggio. Quindi, prenditi qualche minuto per toglierle, guardarle un’ultima volta e interiorizzare quei ricordi e poi riponile in uno scatolone in garage.

2.    Evitare di cercarlo

Lo so cosa stai facendo in questi giorni: vai a vedere in continuazione il suo profilo social per capire con chi si frequenta, se ha già ricominciato o se scrive qualcosa su voi due. Interrompi questo vizio perché non ti fa bene. Se il tuo obiettivo è dimenticare il tuo ex, andare di proposito nei luoghi che frequenta con i suoi amici e far scorrere le foto del suo profilo non ti aiuta di certo a passare oltre!

3.    Trovare qualcosa di bello da fare

Riprenditi in mano la tua libertà. Sicuramente avete condiviso tanti bei momenti ed esperienze e ora non è più lo stesso senza di lui. Non lasciare però che la vostra separazione ti allontani anche dalle cose che facevate insieme. Esci a correre da sola, vai a fare un giro in bici, viaggia e trova anche nuove attività. Ritrova delle amicizie che avevi trascurato, stai con la tua famiglia, crea un nuovo hobby e visita nuovi posti. Aiuta davvero a liberare la mente e a circondarsi di cose belle.

4.    Cambiare le abitudini

Al sabato andavate in un certo locale, alla mattina vi alzavate a orari stabiliti, la sera del giovedì si prendeva il sushi. Questa routine ti porta solo a pensare al tuo ex. Quindi, distruggila. Cambia orario in cui ti svegli, inverti la morning routine, non sederti allo stesso posto del tavolo che sceglievi quando stavi con lui, se necessario sposta anche il letto che condividevate in un altro punto della stanza o ridipingi le pareti. Le abitudini che seguivi quando c’era il tuo ex se ne devono andare insieme a lui!

5.    Allontanarsi dalle persone, dai luoghi e dalle esperienze che ti ricordano lui

Ci sono persone che non fanno altro che ricordarti lui e che ti portano negli stessi posti dove andavate a trascorrere i vostri momenti romantici. E’ brutto da dire, ma a volte è meglio tagliare i ponti con certe persone e circondarsi di nuovi amici più positivi e staccati dal tuo ex.

6.    Non farti una colpa per la fine della relazione

Quando si decide di rompere un rapporto, la colpa è un po’ di entrambi. Spesso stiamo mesi a ripensare dove abbiamo sbagliato e non troviamo una soluzione. Fermati e rifletti una volta per tutte su quello che è accaduto, oggettivamente, senza dare la colpa a nessuno. Se si è arrivati al punto di rompere, i motivi esistono e non potevano essere ignorati. E’ stato necessario ed è bene pensare che tutto sia avvenuto per offrire l’opportunità di vivere un futuro più radioso.

tradimento

Confessare o no un tradimento?

Confessare o no un tradimento?

tradimento

Perchè si tradisce?

Il tradimento, purtroppo, può capitare a tutti, e per diversi motivi.

Può essere un semplice errore di una notte, presi dalla foga della passione carnale, un atto di cui poi ci si pente quando arrivano i primi raggi dell’alba. Oppure può essere la manifestazione più eclatante dei problemi che sono presenti nella coppia, problemi di sessualità o di comunicazione, problemi per cui il tradimento diventa una via di fuga. 

Il tradimento può consumarsi anche una volta sola, oppure prolungarsi per settimane, mesi, se non addirittura anni.

Proprio perché ogni tradimento è diverso dagli altri, perché ha le proprie ragioni diverse, non esiste una sola risposta alla questione se confessare o meno il tradimento al proprio partner.

Il tradimento è sempre l’occasione giusta per riflettere un attimo sullo stato della tua relazione, attraverso una sola domanda:

 “Perché è successo? Cosa mi ha portato a tradire il mio partner?”.

Si tratta di un esercizio di autoanalisi, che ti permetterà di vedere la tua relazione da un nuovo punto di vista: 

  1. potresti vedere che il tradimento è avvenuto perché l’amore tra te e il tuo partner è finita, perché senti che hai bisogno di qualcos’altro in questo momento, qualcosa che il tuo attuale partner non può più darti. In questo caso confessare il tradimento è la via migliore: per quanto dolorosa ti permetterebbe di lasciare alle spalle la tua relazione, e cercare qualcosa di più.
  2. In altri casi ancora, il tradimento potrebbe essere il segnale che la vostra vita erotica non ti soddisfa più, e che per quanto tu possa amare il tuo partner senti la necessità di avere altre esperienze. Anche in questo caso la confessione del tradimento è una buona via, perché permetterebbe a te e al tuo partner di aprire i vostri cuori e avere una conversazione sull’aspetto erotico della vostra relazione. La confessione del tradimento diventerebbe così un momento di confronto, e potrebbe permettervi di rendere più sincera e significante la vostra relazione.
  3. Confessare un tradimento, in altri casi, potrebbe essere più difficile, soprattutto quando l’altra persona ci ama ancora. Il rischio in quel caso è che la fiducia che l’altro ha verso di noi venga irrimediabilmente scalfita, mettendo in luce la difficoltà del perdonare.